Pensieri sull’Italia di un anonimo lombardo

Ai tempi delle diverse e in vari casi utopistiche o irrealizzabili proposte per l’unificazione d’Italia, (a questo link un esempio con un’opera di Luigi Settembrini), secondo la peculiare idea di Luigi Torelli l’Italia Unita sarebbe dovuta essere uno Stato federale.

Come si evince dalla soprastante carta edita però nella II^ edizione del libro, la cui I^ uscita anonima fu del 1846, Pensieri sull’Italia di un anonimo lombardo di Luigi Torelli. Secondo tale carta l’Italia sarebbe risultata composta da tre Regni costituzionali, in cui il “Regno Sabaudo” vien detto “Regno dell’Alta Italia” comportante ancora il possesso di Nizza e della Savoia, e dalla Repubblica di Roma.

Luigi Torelli (Villa di Tirano (SO), 1810 – Tirano (SO), 1887), fu anche famoso perché il 20 marzo del 1848 issò la bandiera italiana sulla guglia della Madonnina del Duomo di Milano. Senatore dal 1860, nel 1864 fu Ministro dell’Agricoltura, Industria e Commercio nel Governo La Marmora, realizzando contatti economico-commerciali con la Cina. È ricordato da una targa a Solferino (MN) per l’appoggio che diede alla costituzione degli ossari dei caduti nella II^ Guerra d’Indipendenza.

da  Cultura-Barocca

Precedente La malinconia dei Preromantici Successivo Sugli ultimi eserciti della Repubblica di Genova