Opere nell’Italia del 1845 circa la Cina

Nel VI volume della grande silloge (“Raccolta di viaggi dalla scoperta nel Nuovo Continente fino a’ dì nostri”) realizzata dal geografo Francesco Costantino stretto, Sonda, cartaMarmocchi per i tipi dell’editore Fratelli Giachetti di Prato (1845) si trovano verso la fine le
NOTIZIE SULLA CINA TRATTE DALL’OPERA DEL DAVIS E CENNI DELLA FAMIGLIA IMPERIALE DI QUEL PAESE TOLTI DALL’OPERA INTITOLATA – LA CINA APERTA – DEL PADRE GURLAFF”

Il volume in questione, poiché fa precedere a quanto già qui esposto un “Viaggio” (a questo link la parte concernente la Cina) di Gabriel Lafond de Lurcy (1801-1876), capitano di nave e membro della Società Geografica di Parigi, risulta altresì corredato delle seguenti TAVOLE:

da Cultura-Barocca

Precedente Italiani che si batterono per l'indipendenza dell'Argentina Successivo Il terrore di Nobel, espressione di un orrore epocale, per la morte apparente